Un altro maledetto canile di cani felici: Takis Shelter

Una pagina Facebook intitolata: Takis Shelter non profit organisation.
La S di organiSation sta per: siamo in Grecia, la sh si pronuncia "ts" e la zeta non esiste. E si vive felici lo stesso.

Il canile di Takis si trova a sud di Creta, sulle colline di Ierapetra, e sì, al fondo di quell'arcobaleno c'è il mare e una delle spiagge più tipiche dell'isola: nera, perché di origine vulcanica, e dove l'acqua assume una colorazione blu zaffiro. Dietro, c'è un villaggio ancora autentico e una fila di taverne panoramiche.


Anche il canile di Takis, come quello di Soi Dog, è miracolato da abbondanti donazioni e questa volta non lo si deve all'impeccabile organizzazione anglosassone, ma alla straordinaria capacità umana del suo solo e unico volontario, che è Takis, appunto.
Forse Takis era un disk jokey una volta, ma non importa: adesso è un uomo felice. Ha acquistato un appezzamento di terreno, lo ha recintato, e lavora a tempo pieno per creare un ambiente accogliente per i suoi 100 e più cani, suddivisi in gruppi in base alla loro capacità di socializzazione. Perché "solo come un cane" è una descrizione precisa di come un cane si senta quando è rinchiuso da solo nella gabbia di un canile, e sarebbe davvero conveniente per tutti che lo capissero anche i canili italiani.
Takis è uno a cui piace stare con i suoi animali, naturalmente  raccatta ogni cane, gatto o altra creatura in difficoltà, e combatte contro le malelingue, in un posto dove il rispetto per gli animali ha ancora parecchio margine di miglioramento.
Come solito la voce si è sparsa e ora glieli abbandonano lungo la strada, lo chiamano, lo fanno correre ovunque, tutto a sue spese e a suo buon cuore. Storie già sentite.
Però Takis ha qualcosa di speciale, altrimenti non si spiegherebbero le tonnellate di crocchette che gli arrivano persino dagli Stati Uniti, e le adozioni a distanza che fioccano quasi ogni settimana.
Intanto è un uomo: niente pianti e lagne, niente esaurimenti da gattara. Lui è davvero felice di fare quello che fa e non perde l'entusiasmo. Qualche volta si arrabbia e si amareggia, ma ha un carattere solare che ti porta a sorridere come uno scemo quando guardi la sua pagina e vedi i suoi filmati e le sue foto piene di cani che sorridono anche loro.
L'altra cosa singolare sono i suoi animali: lo adorano fin dal primo istante. Non c'è cane, per quanto selvatico e ringhioso, che resista ai suoi modi semplici e diretti. Lui si avvicina senza paura, li invita a salire sulla sua auto, dentro la gabbietta, e loro ci vanno con l'espressione di chi ha appena visto la Madonna di Lourdes. Lui se li porta a casa, dove abita già con decine di cani e gatti che accolgono il nuovo arrivato come dei piccoli missionari, e il giorno dopo li porta dal veterinario, prendendosene cura dal punto di vista fisico e psicologico fino a quando non saranno in grado di entrare in uno dei gruppi del canile, o nel gruppo dei gatti, che si arrampicano sugli alberi in un recinto tutto loro.
C'è la gatta Tirri, cieca da un occhio, che allatta da mesi nuovi cuccioli trovati nella spazzatura: i suoi sono oramai grandi e lei fa da madre a tutti i nuovi, secondo lo spirito amorevole e collaborativo che sembra diffondersi come un virus ovunque Takis posi le sue carezze un po' ruvide.
C'è Lena, un cane bellissimo, trovata ridotta a uno scheletro e così spaventata che avrebbe aggredito chiunque. Takis l'ha avvicinata, lei lo ha guardato e ha capitolato, affidandosi a lui completamente. Lui, per un po' di giorni, l'ha portata nei prati, dove va a trovare un branco di cani selvatici che un po' per volta sterilizza e che lo rispettano e gli restituiscono tutta la simpatia che lui, davvero, merita. Lena ora ha la faccia di un cane che ha rischiato e ha vinto: salta e corre, ha la grazia di un levriero e il manto maculato di un cane selvaggio, gli occhi color ambra e un amore per la vita: il suo nuovo amico per sempre, che gira con la pala e pianta fiori, costruisce cucce e bagna i cani anziani con l'idrante nei giorni di troppo caldo.
Qualche volta un cane viene adottato e parte per paesi lontani. Takis lo annuncia entusiasta. Sebbene sia auspicabile che i suoi cani siano adottati, visto il ritmo col quale gliene entrano, si fa fatica a immaginare che in qualunque posto vadano, possano essere più felici di quando erano lì, sulle colline della loro terra, sotto gli ulivi, a rincorrersi, e ad aspettare lui.
https://www.facebook.com/Takis-Shelter-non-profit-organisation-591844890918840/?fref=ts

2 commenti:

  1. ma questo canile ha un indirizzo preciso a creta???come si può trovarlo se si va sull isola???

    RispondiElimina
  2. Il canile è sulle colline alle spalle della cittadina di Ierapetra, a sud di Creta. Tutti a Ierapetra lo conoscono: una volta che sei lì puoi chiedere. Ma c'è la pagina facebook: puoi mandare un messaggio a Takis e lui ti darà sicuramente indicazioni precise. Ci si arriva in automobile o taxi.

    RispondiElimina